SANTA PASQUA 2020

Quest’anno la Pasqua non assumerà le forme solenni delle celebrazioni in Chiesa ma assomiglierà alla prima Pasqua, quella dei discepoli chiusi nelle case con le loro paure.

Forse avrà i gesti espressivi della cena secondo Giovanni con la lavanda dei piedi come rivelazione intensa agli amici dei pensieri più profondi di Gesù e della preghiera accorata al Padre. La nostra Pasqua quest’anno rivive quella del giorno dopo il sabato:

«La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: “Pace a voi!”» (Gv 20,19).

Possa il Signore inviare  l’angelo della Risurrezione ad annunciare anche a noi che Dio ci è vicino e non ci abbandona, ci sta rialzando e si prende cura di noi così come si è preso cura di quanti hanno lasciato questa terra.